“La chiave per un marketing di successo: focus, posizionamento e differenziazione”

Philip Kotler

Negli ultimi anni c’è stato un notevole incremento del numero di agenzie funebri e ciò ha portato molte imprese ad approcciarsi al marketing e alla comunicazione per emergere rispetto ai concorrenti.

Prima dell’era digitale un’impresa di pompe funebri si procurava i lavori principalmente tramite passaparola, affissioni, inserimenti in archivi come Pagine Bianche e attività sul territorio, oggi deve confrontarsi con un pubblico sempre più informato ed esigente. 

La chiave del successo? Differenziarsi, ossia posizionarsi per determinate caratteristiche nella mente delle persone (che un domani possono trasformarsi in clienti)

È questa la strada che sta percorrendo anche il settore funebre, che sperimenta nuovi codici, canali e registri di comunicazione fino ad oggi impensabili.

Che cos’è l’Identità di Brand

L’identità è quell’insieme di caratteristiche che rendono un marchio unico: caratteristiche fisiche (visive, uditive, tattili, olfattive) e psicologiche (valori, tono di voce, personalità) che concorrono a comporre l’immagine con cui il brand viene conosciuto e riconosciuto dalle persone.

Per costruire in modo corretto l’identità di brand, e di conseguenza distinguersi dalla concorrenza, è importante partire dalla mission e dai valori dell’azienda, che rispondono al perché l’impresa è presente sul mercato e quali sono i suoi obiettivi a lungo termine.

Se pensiamo a Nike non pensiamo semplicemente all’abbigliamento sportivo: ci verrà in mente il suo “Just do it” e il concetto di poter superare i propri limiti e raggiungere gli obiettivi prefissati.

Perché è importante per un’agenzia funebre avere una propria identità?

Definire l’identità di un’impresa funebre non significa semplicemente disporre di un kit di grafiche, loghi, biglietti da visita ecc. pronto all’uso, ma riporta risultati tangibili anche in termini di vendite. È utile per:

  • Posizionarsi: agire fuori dal coro e creare memorabilità dell’impresa, sia offline che online, così da essere riconosciuti al meglio dalle persone residenti nella città/frazione in cui operi.
  • Trasmettere professionalità e cura del dettaglio: Pensa allo stesso modo a quanto sia importante essere vestiti in maniera impeccabile e in coordinato durante i servizi funebri!
  • L’identità definisce il mood della comunicazione: se si ha ben chiaro la personalità del proprio brand viene naturale capire come raccontarsi all’esterno, sui canali tradizionali e su quelli digitali (sito web, social media, grafiche personalizzate, template preventivi e fatture, documenti, ecc.).

Elementi dell’identità visiva

L’identità visiva di un brand è l’insieme coordinato di simboli, codici e colori utilizzati per costruire i materiali di comunicazione. Ecco una lista dei principali elementi che la compongono:

  • Nome dell’azienda, del prodotto o del servizio
  • Logo
  • Palette di colori del marchio
  • Tipografia: il carattere tipografico può essere scelto tra quelli esistenti o essere progettato ex-novo
  • Immagini
  • Iconografia: realizzazione di un sistema di icone personalizzato a partire dal logo e dai colori/caratteri tipografici
  • Materiali grafici quali biglietti da visita, carta intestata, template fatture, firma mail, buste, ecc.

Se parliamo di identità visiva delle agenzie funebri in generale è predominante l’uso dei colori nero/grigio/viola, tradizionalmente associati al lutto, affiancati a colori alternativi come il blu e il verde che richiamano concetti di serenità, natura e professionalità. Mentre le icone usate spesso nei loghi sono la classica corona d’alloro o la colomba.

Ma attenzione, l’identità visiva non è qualcosa che rimane immutabile nel tempo. Come avviene in altri settori, anche imprese storiche sentono l’esigenza di rinnovare il proprio brand a causa di cambiamenti interni all’agenzia o semplicemente perché i tempi sono cambiati.

Questa identità dev’essere poi coerente in tutti i canali, compresi quelli digitali, dove si svolge un’altra parte delle attività di un’agenzia funebre. Sito web, social network, e-mail, piattaforme per necrologi, che vengono spesso utilizzati per comunicare la dipartita dei clienti o per parlare direttamente con i loro familiari/clienti.

Con una personalità ben definita e gli strumenti giusti – vedi il programma di grafica Giotto – è possibile rendere esteticamente accattivanti e riconoscibili anche dei prodotti così particolari come manifesti funebri, libri firma o ricordini.

Ora osserva con attenzione il materiale di marketing che hai in agenzia: è tutto coordinato? Il tuo marchio è ben riconoscibile? Il logo, i font, i colori, rispecchiano la tua attuale identità?